Cattura CO2 in un cementificio: il primo impianto in Norvegia

22 Dicembre 2020 NEWS
Cattura CO2 in un cementificio: il primo impianto in Norvegia

L’investimento interessa il cementificio HeidelbergCement Norcem di Brevik. Con il sistema di cattura CO2 emissioni giù del 50%.

OBIETTIVO: CATTURA E STOCCAGGIO DI 400.000 TONNELLATE DI CO2 ALL’ANNO

Il Parlamento norvegese ha approvato l’investimento per un impianto su vasta scala per la cattura dell’anidride carbonica presso il cementificio HeidelbergCement Norcem situato a Brevik. Il progetto per la cattura e il sequestro di anidride carbonica (CCS) consentirà la cattura di 400.000 tonnellate di CO2 all’anno e il loro trasporto per lo stoccaggio permanente.

A livello mondiale, si tratta del primo progetto CCS su scala industriale in un impianto per la produzione di cemento. L’avvio dei lavori per il nuovo impianto a Brevik è previsto nell’immediato. L’obiettivo è di iniziare la separazione della CO2 dal processo produttivo del cemento entro il 2024. Il risultato finale sarà una riduzione del 50% delle emissioni dal cemento prodotto nello stabilimento.

IMPIANTO DI CATTURA CO2 IN UN CEMENTIFICIO: L’OK DEL PARLAMENTO NORVEGESE

“Siamo entusiasti dell’approvazione finale del Parlamento norvegese per il nostro rivoluzionario progetto CCS in Norvegia”, ha detto Dominik Von Achten, presidente di HeidelbergCement. “La separazione della CO2 è un fattore cruciale per raggiungere gli obiettivi nazionali e internazionali riguardanti il clima. Il nostro progetto CCS a Brevik getterà le fondamenta per il nostro settore e per gli altri”.

Per Giv Brantenberg, direttore generale di HeidelbergCement per il Nord Europa e presidente di Norcem, “il progetto mostra chiaramente l’importanza di trovare soluzioni in comune tra l’industria e il settore pubblico nella lotta contro il cambiamento climatico”.

CEMENTO A ZERO EMISSIONI ENTRO IL 2050

Il governo norvegese aveva selezionato Brevik per un progetto sperimentale di cattura CO2 su scala industriale all’inizio del 2018. A settembre 2019, HeidelbergCement e il fornitore statale norvegese di energia Group Equinor hanno firmato un protocollo d’intesa relativamente alla cattura e allo stoccaggio della CO2. Il progetto è stato finanziato principalmente dal governo norvegese.

HeidelbergCement si è impegnata a ridurre le sue emissioni nette specifiche per tonnellata di CO2 del 30% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2025. In precedenza, questa percentuale era stata indicata come obiettivo raggiungibile solamente entro il 2030. Per ottenere questo risultato, l’azienda ha definito misure concrete per la riduzione della CO2 in tutti i suoi impianti nel mondo. HeidelbergCement punta ad offrire calcestruzzo a zero emissioni di CO2 entro il 2050.

 

A proposito dell'autore

Giornalista, tra il 2006 e il 2016 direttore di Staffetta Quotidiana.

Articoli correlati