Energia marina: Enea guida la ricerca in Italia

3 Giugno 2020 NEWS , RINNOVABILI
Energia marina: Enea guida la ricerca in Italia

L’Italia è al primo posto tra i Paesi mediterranei per finanziamenti pubblici per l’energia marina.

Con circa 5 milioni di euro l’anno l’Italia è al primo posto tra i Paesi mediterranei e al secondo in tutta Europa, dopo il Regno Unito, per finanziamenti pubblici all’energia marina. Lo rileva il primo rapporto del progetto europeo OceanSet 2020. Il rapporto ha analizzato investimenti e sviluppo tecnologico di 11 Paesi europei (Belgio, Finlandia, Francia, Irlanda, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia). Per l’Italia i dati sono stati raccolti ed elaborati da Enea. L’agenzia opera come rappresentante nazionale presso il Set-Plan Ocean Energy, il gruppo che implementa il Piano Strategico europeo di sviluppo delle tecnologie energetiche marine. OceanSet è un progetto triennale che ha ricevuto finanziamenti dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione europea.

ENERGIA MARINA: LE RICERCHE ENEA

Enea è impegnata attivamente nel campo dell’energia marina. Sia con lo sviluppo di prototipi per lo sfruttamento energetico delle onde (impianto Pewec) che con modelli climatologici e di previsioni ad alta risoluzione del moto ondoso (Waves) e delle maree (Mito). Ha anche partecipato a progetti finanziati tra gli altri dal Fondo di Sviluppo Regionale Europeo (Pelagos). A novembre 2019 inoltre è partito il progetto Interreg-Med Blue Deal, che ha lo scopo di superare le attuali restrizioni tecniche e amministrative alla diffusione della Blue Energy e di definire procedure e requisiti adeguati a supportare le decisioni nel rispetto dei vincoli normativi, ambientali e sociali.

“Il settore dell’energia dal mare in Italia sta entrando in una fase operativa, pre commerciale, grazie alle sperimentazioni in corso di prototipi sviluppati da enti di ricerca come Enea, Cnr e Rse, dalle università e da grandi aziende nazionali dell’energia”, spiega Gianmaria Sannino, responsabile del laboratorio Enea di Modellistica climatica e Impatti. “Ora è necessario consolidare questa posizione attraverso una programmazione di medio termine dei finanziamenti pubblici alla ricerca e il supporto degli incentivi allo sviluppo di questo settore delle rinnovabili. A questo proposito, siamo in attesa del nuovo decreto Fer2 che potrebbe dare un ulteriore grande slancio al settore”.

ENERGIA MARINA: LE OPPORTUNITÀ NEL MEDITERRANEO

In Europa la disponibilità di risorse energetiche marine è maggiore lungo la costa atlantica (in particolare in Irlanda e Scozia). Ma anche il mar Mediterraneo offre opportunità interessanti sia per produzione energetica che per sviluppo di tecnologie. Le aree con il più alto potenziale di energia dalle onde sono le coste occidentali della Sardegna e della Corsica, il Canale di Sicilia e le aree costiere di Algeria e Tunisia, dove il flusso medio di energia oscilla tra i 10 e i 13 kW/m.

Mentre l’energia dalle maree può essere estratta principalmente nello Stretto di Messina, dove la produzione di energia potrebbe arrivare a 125 GW/h l’anno – una quantità sufficiente a soddisfare il fabbisogno energetico di città come la stessa Messina – grazie allo sfruttamento delle correnti che raggiungono una velocità superiore a 2 metri al secondo. In questo contesto l’Italia si posizione come il Paese più avanzato del bacino mediterraneo per ricerca e sviluppo di dispositivi, guadagnandosi una posizione di rilievo a livello internazionale. Infatti, le competenze scientifiche e industriali italiane, unite alle favorevoli condizioni climatiche del nostro mare, hanno consentito finora di condurre test meno rischiosi e più economici sui dispositivi hi-tech e di progettare sistemi innovativi sempre più efficienti per l’estrazione di energia.

ENERGIA MARINA: GLI INVESTIMENTI EUROPEI

Secondo il primo rapporto annuale “Ocean SET 2020” pubblicato lo scorso aprile, gli stanziamenti pubblici degli 11 Paesi europei presi in esame nel rapporto solo stati pari a 26,3 milioni di euro. Solo 6 Paesi però hanno adottato politiche specifiche per lo sfruttamento dell’energia di maree e moto ondoso a fini energetici (oltre l’Italia, Francia, Irlanda, Portogallo, Regno Unito e Spagna).

Tra gli obiettivi a breve e medio termine, l’Unione europea ha posto la riduzione del costo del kWh dell’energia dalle maree (da 0,15 €/kWh nel 2025 a 0,10 €/kWh nel 2030) e dall’energia delle onde (da 0,20 €/kWh nel 2025 a 0,10 €/kWh nel 2035). A livello tecnologico, invece, sono stati finanziati 79 progetti di ricerca, di cui 57 per l’energia dalle onde e 22 dalle maree: in Italia i prototipi più promettenti sono 5, di cui 4 per le onde e 1 per le maree.

ENERGIA DALLE MAREE ED ENERGIA DALLE ONDE

Tra tutte queste iniziative, sono dodici i progetti europei (7 per l’energia dal mare e 4 dalle maree) che hanno raggiunto un livello molto avanzato di sviluppo tecnologico, consentendo di creare 200 nuovi posti di lavoro. Con una differenza significativa tra i due gruppi: i sistemi per l’estrazione di energia dalle maree utilizzano come tecnologia principale la turbina ad asse orizzontale, mentre per le onde non esiste un sistema predominante e questo lascia ampio margine alle sperimentazioni che spaziano da impianti a punti galleggianti fino a quelli a colonna d’acqua oscillante; tutti sono stati testati in ambiente operativo reale. Solo in Italia esistono siti di prova che si trovano a Pantelleria, Reggio Calabria, Napoli e in Adriatico.

Lanciato nel 2018, il progetto Ue OceanSet ha l’obiettivo di fare il punto sulle tecnologie e i meccanismi di finanziamento attivi negli Stati europei per promuovere una conoscenza condivisa sull’energia marina. L’Europa potrebbe guadagnare la leadership a livello mondiale con un giro d’affari potenziale di oltre 50 miliardi di euro l’anno e la creazione di 400 mila nuovi posti di lavoro al 2050.

 

A proposito dell'autore

La redazione di RES Magazine è composta da giornalisti esperti di tematiche energetiche e ambientali e si avvale della consulenza di ricercatori e professionisti impegnati nel settore della ricerca di sistema per il sistema elettrico nazionale.

Articoli correlati