Progetto Auree: un esperimento partecipativo per l’efficienza

8 Aprile 2020 EFFICIENZA , NEWS , RICERCA DI SISTEMA
Progetto Auree: un esperimento partecipativo per l’efficienza

Il progetto Auree di Sotacarbo entra nella fase operativa: focus della ricerca, il contesto urbano e territoriale di Carbonia

Il percorso di efficientamento del vetusto patrimonio edilizio italiano è ancora lungo. Certo, negli ultimi anni gli incentivi sono stati fondamentali. Ma gli interventi fino a oggi si sono fermati “in superficie”. L’edilizia urbana – residenziale e a carattere pubblico – deve essere trasformata in profondità, possibilmente senza nuovo consumo di suolo. La cosiddetta deep renovation è ancora marginale. Per renderla centrale è necessario disporre di una cartografia completa dell’esistente, del coinvolgimento di tutti i portatori di interesse e di una buona divulgazione delle informazioni. Sono gli obiettivi che si pone il progetto Auree, portato avanti da Sotacarbo e dall’Università di Cagliari. Oggetto di analisi e ricerca è il contesto urbano e territoriale di Carbonia.

UN PORTALE WEB PER AIUTARE LA PIANIFICAZIONE URBANA

Il progetto Auree (Abaco URbano Energetico degli Edifici) ha lo scopo di supportare e favorire la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio. Come? Creando un portale web che sarà al tempo stesso mezzo di comunicazione e tool per il coinvolgimento degli attori locali. I cittadini potranno consultare i dati messi a disposizione, ma anche fornire un riscontro, con informazioni sulla propria abitazione e sulle aspettative in vista di un eventuale intervento di efficientamento. Aiuterà i decisori pubblici a pianificare attività di rigenerazione urbana e metterà in contatto proprietari e operatori del settore, in questo modo favorendo l’incontro tra domanda e offerta locale.

A CARBONIA CITTADINI PROTAGONISTI

Al suo secondo anno di svolgimento, il progetto Auree entra nella fase più operativa e sperimentale. Sono previsti audit energetici a campione per l’edilizia residenziale. Per l’edilizia pubblica, invece, è prevista un’analisi più approfondita che tenga conto anche di tutta la documentazione comunale. Nella fase successiva, la partecipazione attiva della popolazione di Carbonia sarà decisiva per mettere a punto il portale. Carbonia è stata scelta anche per la sua particolare storia architettonica e urbanistica. Città edificata durante il regime fascista, presenta edifici piuttosto omogenei da un punto di vista materico e costruttivo. Una caratteristica che facilita l’attività di tipizzazione. L’approccio partecipativo avrà sicuramente il merito di aumentare la consapevolezza della cittadinanza e quindi di favorire una maggiore propensione agli interventi per il risparmio energetico.

Il Progetto Auree “Abaco Geografico SMART per il recupero ed efficientamento energetico del patrimonio edilizio urbano” è finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico tramite la Ricerca di Sistema elettrico.

A proposito dell'autore

La redazione di RES Magazine è composta da giornalisti esperti di tematiche energetiche e ambientali e si avvale della consulenza di ricercatori e professionisti impegnati nel settore della ricerca di sistema per il sistema elettrico nazionale.

Articoli correlati