Auto elettriche? Emettono meno CO2 di benzina e diesel

17 Gennaio 2020 MOBILITÀ , NEWS
Auto elettriche? Emettono meno CO2 di benzina e diesel

Anche considerando il ciclo di vita, le auto elettriche sono più green. Dossier di RSE.

Anche applicando un’analisi del ciclo di vita o Life Cycle Assessment (LCA) i risultati sono abbastanza uniformi nel confermare che le auto elettriche emettono meno CO2 delle auto a combustione interna. È questo il risultato a cui giunge il Dossier Rse dal titolo “Auto elettrica e decarbonizzazione: facciamo chiarezza”. Lo studio non prende però in considerazioni le motorizzazioni alimentate a gas.

AUTO ELETTRICHE: IL DOSSIER RSE

È convinzione che i veicoli elettrici, osserva Rse, contribuiscano a migliorare la qualità dell’aria nelle nostre città per l’assenza di emissioni allo scarico. Inoltre, la progressiva penetrazione delle auto elettriche viene anche considerata uno strumento efficace per la de-carbonizzazione dei trasporti. Le automobili, da sole, sono infatti responsabili di circa il 12% delle emissioni di gas serra dell’Unione europea. “Le stesse case automobilistiche, per ridurre le emissioni medie di CO2 della loro gamma, puntano su una elettrificazione dell’offerta”, osserva Rse.

Inoltre la maggior parte dei modelli che oggi possono usufruire dell’ecobonus ministeriale ha una motorizzazione esclusivamente elettrica. La quasi totalità delle rimanenti auto sono ibride plug–in, ovvero dotate di motore endotermico e motore elettrico, con una batteria elettrica ricaricabile dalla rete che permette un’autonomia solitamente intorno ai 50 km. Quindi, tenendo in considerazione solo l’inquinamento locale, “non servono analisi quantitative per concludere che i veicoli elettrici sono una soluzione indubbiamente superiore rispetto ai veicoli dotati di motore a combustione interna”.

Il dossier Rse si chiede poi se le emissioni legate alla produzione di energia elettrica per caricare le batterie non siano superiori a quelle causate dalla combustione di diesel o benzina nei motori endotermici tradizionali. Perché per caricare la batteria occorre dell’energia elettrica che, nel suo ciclo produttivo, comporta delle emissioni di gas clima-alteranti, principalmente anidride carbonica. Ma anche la produzione e distribuzione di carburanti di origine fossile, osserva Rse, generano emissioni di gas a effetto serra. Quindi, per una corretta valutazione, bisogna considerare anche le emissioni che avvengono prima dell’utilizzo del veicolo, come quelle che derivano dalla produzione del diesel, della benzina o dell’elettricità.

PER VALUTARE EMISSIONI, APPROCCIO WELL-TO-WHEEL: DAL POZZO ALLA RUOTA

“In altri termini, quando si confrontano le emissioni clima-alteranti di veicoli elettrici e di veicoli tradizionali – rileva Rse – serve adottare un approccio well-to-wheel (dal pozzo alla ruota)”. Bisogna inoltre considerare le emissioni di tutti i gas che contribuiscono al cambiamento climatico, anidride carbonica in primis, ma anche metano e N2O, valutati come anidride carbonica equivalente (CO2eq). Infine, riguardo le auto elettriche, occorre anche valutare gli effetti legati alla produzione e alla dismissione di veicoli e batterie.

Considerando le cosiddette analisi well-to-wheel, i risultati di letteratura sono abbastanza uniformi nel confermare che i veicoli elettrici, in ragione anche di una maggiore efficienza, emettono meno CO2eq dei corrispondenti veicoli a combustione interna. Anche perché si sta andando verso una più alta penetrazione delle fonti rinnovabili nel mix energetico utilizzato per ricaricare la batteria,fattore che maggiormente influenza le prestazioni ambientali dei veicoli elettrici.

L’ANALISI LCA, LIFE CYCLE ASSESSMENT

Per quanto riguarda invece le analisi di LCA la situazione è più complessa. In questo caso, infatti, occorre prendere in considerazione anche le emissioni che avvengono per la produzione dei veicoli, per la loro manutenzione, per la dismissione e, nel caso delle auto elettriche, per la produzione e dismissione delle batterie. Proprio per il maggior numero di parametri da tenere in considerazione, i risultati presentano una maggiore variabilità. Tuttavia, la maggior parte della letteratura scientifica dimostra che l’auto elettrica, considerando l’intero ciclo di vita, emette meno CO2eq di auto a combustione interna simili per prestazioni e dimensioni

Per quanto riguarda gli scenari futuri, a dieci anni, pur tenendo presente che gli sviluppi tecnologici porteranno le auto a benzina, e soprattutto diesel, ad avere efficienze sempre maggiori ed emissioni sempre minori, questo probabilmente non influirà sul confronto con l’opzione elettrica perché anche l’efficienza delle auto elettriche crescerà.

Consulta il Dossier a questo link.

A proposito dell'autore

Giornalista, tra il 2006 e il 2016 direttore di Staffetta Quotidiana.

Articoli correlati