Efficienza: nuove prospettive grazie alla ricerca di sistema

26 giugno 2018 IN PRIMO PIANO
Efficienza: nuove prospettive grazie alla ricerca di sistema

Il cammino dell’efficienza non si ferma. Mentre in Italia, gli incentivi continuano a smuovere il mercato – senza però ancora recuperare i ritardi d’innovazione della pubblica amministrazione – l’UE ha aggiornato la direttiva sulle prestazioni energetiche nell’edilizia.

EFFICIENZA, NUOVA DIRETTIVA UE: “OBIETTIVI RAGGIUNGIBILI MA SERVONO INCENTIVI”

“La nuova direttiva europea – spiega nel nuovo approfondimento di RES Magazine, Mauro Villarini, ricercatore e docente di Sistemi per l’energia e per l’ambiente presso il dipartimento di Scienze e tecnologie dell’Università della Tuscia – dà una stretta alle politiche mirate all’efficienza energetica e rilancia, accelerandola, la roadmap verso gli obiettivi epocali di sostenibilità del 2050”. L’obiettivo è la decarbonizzazione del parco immobiliare. Un obiettivo raggiungibile, secondo Villarini, purché adeguatamente promosso e incentivato,

ENEA: SPERIMENTAZIONE SU PARETI VERDI E NZEB

Nel frattempo, la Ricerca di Sistema non sta a guardare ed esplora nuove soluzioni. Come le pareti verdi sperimentate dall’Enea al Centro di ricerca Casaccia: “Stiamo lavorando su di una sorta di edifico prototipo per studiare varie soluzioni che hanno come applicazione principale la presenza del verde – ci dice Giovanni Puglisi del Dipartimento Unità per l’Efficienza Energetica Enea”. Il progetto è ancora in fase di svolgimento, ma i primi risultanti sono promettenti. Di fatto la copertura vegetale agisce da ottimo isolante. “La temperatura interna d’estate può scendere anche di tre gradi. Mentre, rispetto alle temperature massime registrate sulla parete esterna, abbiamo registrato un abbassamento che può arrivare fino a una decina di gradi”.

L’Enea è anche al lavoro su di un impianto prototipo che massimizza il concetto di edificio NZEB: “Il nostro obiettivo è un edificio a potenza quasi zero, che non solo ha un fabbisogno energetico molto basso o quasi nullo, coperto in misura molto significativa da energia da fonti rinnovabili, ma presenta caratteristiche di significativo autoconsumo istantaneo riducendo o annullando lo scambio di potenza con la rete”

RSE: UN SOFTWARE PER RENDERE L’UTENTE CONSAPEVOLE

Le nuove tecnologie però da sole non bastano. Serve la consapevolezza e un atteggiamento proattivo degli utenti. “Molto spesso i comportamenti dei consumatori sono anomali e non prevedibili in base al modello della pura convenienza”, sottolinea Marco Borgarello, responsabile Rse per il settore efficienza energetica. Rse quindi, partendo da un’analisi comportamentale, sta elaborando un’applicazione software che confronta i comportamenti di consumo con quelli degli utenti più virtuosi e dà indicazioni su come migliorare le performance. “Il software consente di misurare i benefici economici che derivano da ogni correzione degli errori”, aggiunge Borgarello. “A questo punte l’utente è in grado di scegliere in maniera consapevole”.

Efficienza: nuove prospettive grazie alla ricerca di sistema ultima modifica: 2018-06-26T12:33:37+00:00 da Redazione

Articoli correlati

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!