La nuova frontiera dello smart metering

18 febbraio 2015 IN PRIMO PIANO
La nuova frontiera dello smart metering

Le potenzialità delle applicazioni smart metering per l’efficienza energetica: tra innovazione e nuovi modelli di business

Tutti parlano molto di reti intelligenti, sia per migliorare le prestazioni del sistema elettrico che per diminuire i consumi a parità di prestazioni. Ma per raggiungere questo obiettivo è necessaria, oltre all’avanzamento tecnologico delle grandi infrastrutture energetiche, la collaborazione convinta di milioni di cittadini. Da questo punto di vista una frontiera interessate è lo smartmetering, cioè i dispositivi che costituiscono un’interfaccia tra le utilities e le famiglie.

Si tratta di software e strumenti in grado di svolgere varie funzioni. Rendere agevole la lettura dei dati in tempo reale, in modo da far capire con un colpo d’occhio quali sono i picchi di consumo e cosa li produce. Permettere di consultare questi dati anche a distanza, in modo da poter eventualmente agire da remoto per ottimizzare le scelte. Ottenere una serie storica, in modo che ognuno possa comprendere l’evoluzione dei propri consumi e metterla in relazioni alle singole scelte effettuate.

Una frontiera dunque estremamente interessante, in un’ottica legata all’aumento dell’efficienza energetica, per la ricerca di sistema che può supportare il percorso di affinamento di questi strumenti. Nell’approfondimento dedicato al tema abbiamo ospitato il parere di Ferruccio  Villa, della Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione dell’ Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico, che spiega come l’Italia sia stato primo Paese europeo a muoversi con decisione in questo campo: abbiamo un knowhow in costante sviluppo che può diventare prezioso anche in termini più ampi di competitività del sistema produttivo.

Giuseppe Michele Salaris, responsabile tecnologie di rete di Enel Distribuzione, aggiunge che, nel corso di un progetto pilota, è statamisurata una riduzione dei consumi superiore al 4% utilizzando un sistema di smart info.

Infine c’è l’esperienza di Opower, un’azienda nata nel 2007 che, grazie allo sviluppo delle ricerche di psicologia comportamentale per motivare le decisioni dei consumatori, è riuscita a far  risparmiare finora 6 terawatt ora evitando emissioni di CO2 equivalenti a quelle prodotte da quasi 900 mila automobili in un anno.

La nuova frontiera dello smart metering ultima modifica: 2015-02-18T18:32:46+00:00 da Redazione

Articoli correlati