Efficienza, energia low carbon e smart city: i tre cardini nel Workprogramme

13 novembre 2013 NEWS , POLICIES
Efficienza, energia low carbon e smart city: i tre cardini nel Workprogramme

Proseguono le manovre di avvicinamento agli obiettivi fissati dal programma europeo Horizon 2020: il prossimo step è costituito dal Workprogramme 2014-2015. E il risultato da centrare è rimettere la nave UE in linea di galleggiamento mantenendo il consumo di energia al 2020 entro i 1.474 Mtep di energia primaria ed entro i 1.078 Mtep del consumo finale di energia, risultato che le attuali proiezioni non danno ancora come fattibile.

Ma la spinta per raggiungere questo traguardo diventa sempre più forte perché l’efficienza energetica è ormai una parola-chiave nelle politiche degli Stati membri e l’Unione europea è pronta a supportare la ricerca di tecnologie e soluzioni energetiche più efficienti (edifici, industria, riscaldamento e raffreddamento, prodotti e servizi connessi con l’energia) e a promuovere azioni per rimuovere le barriere di mercato e di governance. Il programma è diviso in tre macro-aree: efficienza energetica, energia competitiva a basse emissioni di carbonio e Smart Cities.

1) PROGETTI PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

Gli interventi sono richiesti in quattro aree:

– Edifici e consumatori

– Riscaldamento e raffreddamento

– Industria e prodotti

– Finanziamenti per l’energia sostenibile

Edifici e consumatori

Il 40% della domanda di energia all’interno dell’UE è assorbito dagli edifici: la loro ristrutturazione rappresenta il 17% del potenziale risparmio europeo fino al 2050. La sfida più importante è aumentare velocità, qualità ed efficacia della ristrutturazione edilizia: per farlo è necessario tagliare i costi, abbattere i tempi e ridurre al minimo il disturbo per gli occupanti. In questo modo si potrebbe far arrivare il tasso di ristrutturazione al 2%-3% annuo. I progetti investiranno queste aree:

– 2014/15 Materiali da costruzione e componenti (finanziato al 70%)

– 2014/15 Progettazione di edifici ad alte performance energetiche (finanziato al 100%)

– 2014/15 Creazione di un mercato che sostenga il processo di innovazione (finanziato al 100%)

– 2015 Pronta risposta alle domande degli utenti negli edifici (finanziato al 70%)

– 2014/15 Miglioramento della capacità delle autorità pubbliche di pianificare e attuare misure e politiche energetiche sostenibili (finanziato al 100%)

– 2014 Appalti pubblici di soluzioni energetiche innovative sostenibili (finanziato al 100%)

– 2014/15 Responsabilizzazione delle parti interessate per assistere le autorità pubbliche nella definizione e nell’attuazione di misure e politiche energetiche sostenibili (finanziato al       100%)

– 2014/15 Coinvolgimento dei consumatori per l’energia sostenibile (finanziato al 100%)

– Nuove soluzioni basate sulle TIC (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione) per l’efficienza energetica (finanziato al 70%)

– 2014 Ricerca socioeconomica in materia di efficienza energetica (finanziato al 100%)

Riscaldamento e raffreddamento

– 2014/15 Tecnologia per il riscaldamento (finanziato al 100%)

– 2014/15 Rimozione delle barriere di mercato al rapido assorbimento di riscaldamento efficiente e soluzioni di raffreddamento (finanziato al 100%)

Industria e prodotti

Per fornire tecnologie innovative applicabili per il risparmio energetico a prezzi accessibili è necessaria una fattiva collaborazione tra pubblico e privato in modo da incanalare l’attenzione verso tecnologie legate all’efficienza energetica e verso temi di ricerca e sviluppo. E garantire assistenza per l’attuazione di una politica energetica sostenibile favorendo la diffusione di tecnologie rilevanti per l’efficienza energetica nel settore industriale.

– 2014/2015 Assicurarsi dell’effettiva attuazione della legislazione UE sull’efficienza produttiva (finanziato al 100%)

– 2014/2015 Innovazione organizzativa per aumentare l’efficienza energetica nel settore industriale (finanziato al 100%)

– 2015 Sviluppo e dimostrazione di prodotti ad alta efficienza energetica , processi e servizi da parte delle PMI (Piccole e Medie Imprese) (finanziato al 70%)

– 2015 Guidare l’innovazione energetica con grandi gruppi di acquisto (finanziato al 100%)

Finanziamenti al sostentamento energetico

– 2014/2015 Miglioramento della finanziabilità e dell’attrattiva degli investimenti energetici sostenibili (finanziato al 100%)

– 2014/2015 Progetto di assistenza allo sviluppo per progetti innovativi di investimento sull’energia sostenibile (finanziato al 100%)

– 2014/15 Sviluppo e immissione sul mercato di servizi energetici innovativi e schemi finanziari per l’energia sostenibile (finanziato al 100%)

2) PROGETTI PER ENERGIA COMPETITIVA A BASSE EMISSIONI DI CARBONIO

Una delle maggiori sfide che l’Europa dovrà affrontare nei prossimi decenni è quella di rendere il suo sistema energetico pulito, sicuro ed efficiente, garantendo nel contempo la leadership industriale europea nel settore delle tecnologie energetiche a basse emissioni di carbonio. L’UE si è impegnata a ridurre le sue emissioni di gas serra del 20% rispetto al 1990 entro il 2020 e si propone un’ulteriore riduzione all’80-95% entro il 2050. Inoltre le fonti rinnovabili dovranno coprire il 20% del consumo finale di energia nel 2020 e una gran parte di esso entro il 2050. Una riduzione di almeno il 60% dei gas serra entro il 2050 rispetto al 1990 è richiesta dal settore dei trasporti (meno 20% rispetto ai livelli del 2008 entro il 2030).

– 2014 nuove conoscenze e tecnologie (finanziato al 100%)

Elettricità rinnovabile e riscaldamento/raffreddamento

Sono quattro le sfide da affrontare:

a) le prestazioni tecnologiche devono aumentare ulteriormente, con una conseguente diminuzione del costo di produzione dell’energia rinnovabile rendendola così più appetibile per il mercato e coprendo gran parte del consumo finale di energia entro il 2050;

b) l’efficienza delle risorse deve essere affrontata in una prospettiva di ciclo di vita;

c ) per un aumento delle prestazioni del sistema energetico nel suo complesso, i sistemi di conversione dell’energia rinnovabile dovranno ottenere una serie di migliorie per fornire energia a una rete sempre più smart;

d ) devono essere sviluppate tecnologie energetiche e processi produttivi in grado di competere a livello globale.

– 2014/15 Sviluppo delle tecnologie di prossima generazione di elettricità e di riscaldamento/raffreddamento da fonti rinnovabili (finanziato al 100%)

– 2014/2015 Dimostrazione di tecnologie di elettricità rinnovabile e di riscaldamento/raffreddamento (finanziato al 70%)

– 2014/2015 diffusione sul mercato di tecnologie di energia elettrica rinnovabile e riscaldamento/raffreddamento già esistenti o emergenti (finanziato al 70%)

Rimodernare la griglia elettrica europea

La quota in rapida crescita di produzione da fonti rinnovabili richiede un adattamento veloce della grid, sia a livello europeo che locale. La nuova griglia deve includere la flessibilità, la capacità di risposta alla domanda e il coinvolgimento degli utenti attivi. Il nuovo mercato integrato dell’energia potrà essere ottenuto solo attraverso l’integrazione delle opportunità offerte dalla generazione, la risposta alla domanda e lo stoccaggio a vari livelli. Sfide tecnologiche particolari sono inoltre sollecitate dallo sviluppo urgente di reti offshore nei mari del Nord e di autostrade dell’energia elettrica .

– 2014 Griglie offshore nei mari del Nord (finanziato al 100%)

– 2014 Rete di trasmissione e di mercato all’ingrosso (finanziato al 100%)

– 2015 Rete di distribuzione e del mercato al dettaglio (finanziato al 100%)

Assicurare al sistema energetico flessibilità tramite avanzate tecnologie di stoccaggio dell’energia

Con la rapida crescita della quota di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili variabili, la necessità di stoccaggio aumenta significativamente. Lo stoccaggio diventa così un nuovo importante link della nostra catena di energia e l’obiettivo di tutti i progetti è garantire che trovi il suo giusto posto nel sistema energetico del futuro.

– 2014 Deposito locale di piccole dimensioni (finanziato al 70%)

– 2015 Stoccaggio su larga scala (finanziato al 70%)

– 2014 Tecnologie di nuova generazione per l’immagazzinamento dell’energia (finanziato al 100%)

Biocarburanti sostenibili e combustibili alternativi come carburante per il trasporto europeo

Le fonti rinnovabili dovrebbero coprire il 10% del consumo finale di energia nel settore dei trasporti nel 2020. La decarbonizzazione del settore dei trasporti è una sfida importante per l’Energy Roadmap 2050: si punterà in particolare sull’elettrificazione del settore dei trasporti e sull’impiego di combustibili non fossili alternativi. Settori come l’aviazione e i trasporti pesanti su strada o marittimi dovranno contare su carburanti che dovrebbero essere prodotti in modo sostenibile, da materie prime non fossili. La bioenergia avrà un ruolo fondamentale nel conseguimento degli obiettivi complessivi del 2020: si prevede che nel 2020 soddisferà l’11% del consumo energetico totale dell’UE. Tuttavia sono ancora necessari interventi per favorire lo sviluppo di questo settore chiave e garantirne la sostenibilità.

– 2014/2015 Sviluppo di tecnologie di prossima generazione per i biocarburanti e carburanti alternativi sostenibili (finanziato al 100%)

– 2014/2015 Dimostrazione di tecnologie dei biocarburanti avanzati (finanziato al 70%)

– 2015 Creazione di una partnership con il Brasile sui biocarburanti avanzati (finanziato al 70%)

– 2014/2015 Assorbimento del mercato delle bioenergie sostenibili esistenti ed emergenti (finanziato al 70%)

Abilitare l’uso sostenibile dei combustibili fossili nella transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio

– 2014/2015 Abilitazione della decarbonizzazione del settore energetico a base di combustibili fossili e dell’industria ad alta intensità di energia attraverso CCS (Carbon Capture and Storage) (finanziato al 100%)

– 2014 Conoscenza, prevenzione e limitazione dei potenziali impatti ambientali e dei rischi dovuti all’esplorazione e allo sfruttamento del gas da argille (finanziato al 100%)

– 2015 Centrali elettriche a combustibili fossili altamente flessibili ed efficienti (finanziato al 100%)

Sostenere lo sviluppo di uno spazio europeo della ricerca nel campo dell’energia

–  2014/2015 Supporto di azioni comuni sulla dimostrazione e validazione di soluzioni energetiche innovative

–  2014/2015 Sostegno al coordinamento delle attività di R&S nazionali

Aspetti sociali, ambientali ed economici del sistema energetico

– 2014 Il fattore umano nel sistema energetico (finanziato al 100%)

– 2015 Modellazione e analisi del sistema energetico, delle sue trasformazioni e del suo impatto (finanziato al 100%)

Questioni trasversali

– 2014/15 Sfruttare il potenziale di ricerca e innovazione delle PMI in un sistema energetico a basse emissioni di carbonio (finanziato al 70%)

– 2014 promuovere la rete dei Punti di Contatto Nazionali

3) SMART CITIES E COMMUNITIES

Le città europee sono pioniere della transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio e utilizzo efficiente delle risorse. Ma il 68% della popolazione dell’UE vive in aree urbane utilizzando il 70% dell’energia e dunque lo sviluppo sostenibile degli habitat urbani è una sfida di fondamentale importanza e richiede nuovi tecnologie e servizi, efficienti e facili da usare, in particolare nei settori dell’energia, dei trasporti e delle TIC (tecnologie dell’informazione e della comunicazione). Queste soluzioni però richiedono approcci integrati, sia a livello di ricerca e sviluppo di soluzioni tecnologiche avanzate, sia a livello di distribuzione. Questi sono gli obiettivi:

• accelerare l’introduzione di tecnologie e servizi innovativi , soluzioni organizzative ed economiche per le applicazioni urbane;

• diffondere i risultati delle soluzioni di successo per colmare le lacune di innovazione e stimolare la convergenza tra i settori dell’energia , dei trasporti e delle TIC;

• sostenere le misure orientate al mercato per convalidare e accelerare la diffusione commerciale;

• costruire iniziative sul portfolio delle smart cities esistenti, garantendo loro la coerenza tra la regolamentazione, le politiche e gli standard di project financing.

• 2014/2015 Soluzioni per Smart Cities e Communities che integrino l’energia, i trasporti, i settori Ict attraverso progetti-faro (dimostrazioni su larga scala – prime assolute) (finanziato al 70%)

Migliorare il roll-out di soluzioni per smart cities e communities stimolando la domanda di mercato

– 2015 Sviluppo di sistemi standard per le soluzioni riguardanti smart cities e communities (finanziato al 100%)

– 2014 Creazione di reti di committenti pubblici nelle amministrazioni locali per soluzioni riguardanti le smart cities (finanziato al 70%)

– 2014 Istituzione di un concorso a premi: soluzioni intelligenti per creare città e comunità migliori

A cura della redazione

Efficienza, energia low carbon e smart city: i tre cardini nel Workprogramme ultima modifica: 2013-11-13T17:41:41+00:00 da Francesco Sellari

Articoli correlati